www.fernandapivano.it

Krasnodon


[ Home ]

Inviato da: Luca M il October 11, 2002 at 21:38:17:

C' era una luna d' argento
nel nostro sogno
in un cielo nero
chiuso come un occhio
ferito;
nel nostro sogno
c' erano strade sicure ed ampie
e nessun ristoro
nessuna fermata
se non la nostalgďa;
Se cerchi bene
c' era anche un copriletto azzurro
e una rosa in un vaso di cristallo
un poco reclinata verso la luce;
e un mondo che sarebbe dovuto restare lontano
a guardarci nudi e ridicoli
cercare disperatamente
l' amore;
nel nostro sogno
c' erano cani ed aviatori
e sensualitą e mani piccole.
Stanotte a Krasnodon
pregheranno
stanotte a Krasnodon
piangeranno
nelle miniere di carbone
perchŹ la nostra stessa aria
diventi un unico respiro;
Da qualche parte
vicino alla stazione di Zimą
nessun Evtusenko
li salverą.
Ho bisogno di te
Ballerina.
Nessun treno partirą piĚ da qui.
Nessuna lacrima scenderą a salvarci.
Nessuna coperta ci ridarą calore.
Tutto quest' oblďo dura sempre troppo poco.
Nel nostro sogno
c' erano le tue gambe nude
pendenti
come ali di angelo
"Riportami a casa"
dicevi nel buio
"ora che la pioggia si sta trasformando in neve".
Domani sarą troppo tardi
domani l' aria sarą gią troppo nera
da respirare
ci riempirą i polmoni
ci ruberą il respiro
qui a Krasnodon.
Nel nostro sogno
c' era la tua bocca aperta
tremante
come una farfalla al primo volo
"Non lasciamo trascorrere la notte"
dicevo
"senza aver sperimentato la vita".
Qualcuno ci ascolti
sopra a Krasnodon
stanotte
che sia dio
stella
o aviatore.




Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it