www.fernandapivano.it

Autobiografia Spicciola Tipo Ferlinghetti, Con Autonomia


[ Home ]

Inviato da: Luca M il October 14, 2002 at 00:05:39:

Sono cresciuto
in una Macchina Del
Tempo
che c
r
o
llava
Temporale
dopo
Temporale.

Tutt' attorno
fiori
una volta
Ecclesiasti
e
miti animali
da cortile.

Ho conosciuto Billy the Kid
grande suonatore di chita
r
r
e
con lui derubavo
la prateria
di cemento
dai sassi
cocci di
bottiglia
e
immagini di donne
in amore.

e
r s
Sono c ciuto in un Monastero

o i
r a
m
stanco.

Ho scavato tombe
cercando ossa col sorriso
da indossare contro gli
INVASORI DELLO SPAZIO
sognavo fiati d' armonica
al centro del Campo di Marte
con le stelle come cappello.

Inizio della F - U - G - A
in
crani
disperati
in a
armadi p n
moribondi a n
li chiamavo C E
aspra lotta
con
Ragni
&
Ortiche
Capanna
Matrioska
nel O
S L
E

Avevo pellicce di gatti
nella Notte
sangue di formica nelle
unghie
nel Giorno

C' era una Guerra ad elastici
da combattere
Winchester di frassino
Raffiche di saliva

Timorose
spedizioni
nel Tempio
io & Billy
mani giunte
alla ricerca
dei Santi

Il Te Deum dell' Acqua Sacra
sorgente
onnipotente
piccoli Cowboys
contro il Timore divino

Ricordo persone
gente
ragazzi
innalzare
il
cervello
a
Dio Cristo DIO

Osservavo
e la Paglia nei Capelli
digeriva
lenta
silenziosa
la strada
verso il U O
C R
E
Assistevo
al Sacrificio del Coniglio
con occhio cannibale
&
alle esalazioni del
Domatore
Di li.
Caval
Ridevo
all' Urlo
immondo
scagliato
contro
al
cielo
da Bocche ruvide.

Sono cresciuto in un Chiostro
con gatti malati

e e
l n
a n
a r sulle o d' argilla
i l
p o
s c

Ho praticato l' Eutanasia
ad un monumento Medioevale.
Vivevo in una Poesia
intonavo canti Indiani
attorno a pelli
di macchine morte.

Torturavo i nemici

percuotendomi

l' Immaginazione.
LIBERTA' era una
goccia di pioggia
sul volto.
PRIGIONIA era una
casa di
Zucchero.

LIBERTA' era una
goccia d' acqua
g
i
Ł per la
schiena.
PRIGIONIA era la
notte che
cancellava
le orme fra
i sassi.
I miei eroi
erano Insetti
chiusi nel bicchiere

i
n
c
r
o a sul Sagrato.
c t
i i
A gambe apettavo la V
t
e

Moltitudine di lacrime sulle ginocchia
contavano le automobili passare

YYYYHOOOO sul mio Furia d' acciaio YYYYHOOOO

Nuotavo nella neve
con le braccia viola
Sono cresciuto accanto ad una Chiesa
piena di Pane Santo.

Improvvisa F - U - G - A di Billy.
Invasione delle armate
del
Dio
della Realtł

Sbandai fuori
dalle rotaie
dell' Avventura
Il Tempo digerô
i miei Eroi
in un Lampo giallo
Caddero
anche gli
Alberi
come Cristo.

Piansi polvere
e calce dei muri.
Tolsi g r a n e l l i
di Sogni
dalle scarpe.
Andai
a
piedi
nudi
insieme
alla
M
o
r
t
e

Sedetti vicino al suo focolare e ascoltai la sua
lunga storia triste
Bambini & Dolore - la sua grande bocca PARLAVA -
Bambini & Dolore

Riuscii
a chiudere le orecchie
e a baciare
la maniglia d' una uscita
d' emergenza

Fuori dal Monastero
nel DEPLIANT DEL MONDO

Ombra calcificata
nel Sole del Sagrato

Ora sono
un cacciatore
di dediche
per i compleanni

delle Donne.
Ora ti voglio cosô
bene che ho l' obbligo
di dirti che mi manchi.

e
o t
Ora gioco a fare il P A
tintinno la penna
sulle
mie costole.

Ora descrivo chi
in un alito di vento
riesce ancora & ancora
a trovare una Strada.

Ora canto chi
guardando la Luna
si ustiona il Cuore.
Mi leggo la MANO
e
s o
o d
r i
r

Mi leggo la MANO
e scrivo

un' autobiografia spicciola
tipo Ferlinghetti
CON AUTONOMIA
.............

( MAGGIO 1993 )




Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it