www.fernandapivano.it

L'ombra nuda e le statue d'acqua


[ Home ]

Inviato da: Giancarlo Ferrigno il October 24, 2002 at 18:14:32:

Di Giancarlo Ferrigno
TiToLo : L‚ombra nuda e le statue d‚acqua

Vivo! In un‚ombra nuda, le mie parole e le
immagini,
sono : Statue d‚acqua. Modello il movimento,
con un segno e un gesto graffiante, che sento,
partecipi al gioco. Vivo! Per gli uomini piccoli
e i loro sogni.

L‚ossido d‚idrogeno, nutre, l‚anima tagliata,
dolcemente dal baro schietto,
il mio oggetto mobile, apre una ferita,
nell‚acqua. Il primo fotogramma operaio Ź un atto,
che il rumore musicale, rende visivo. Un
dormiente non Ź adatto,
a trasmutare il liquido, in una scultura.

Questa Ź l‚origine della mia ombra nuda, bagnata
e pura,
nostra, come i ritratti, le astrazioni e i sogni.

Scrivo! Per il contadino nero, il nuovo operaio
dell‚uva e dei vini,
per i piccoli adulti, le donne orientali, scrivo!
Al vento,
della mia fatale vita. Viaggio nel segreto,
di un rumore musicale, composto da una sola nota.
Tra i maggiori toni,
svengo! Cercando un amore che Ź prima verde e poi
blu.

Ma parliamo di noi, dei nostri a-tonali sogni :
che sono le ali dei ricordi.

Anche Orfeo ha il suo paradiso, i vecchi figli
dei fiori e le sempre-verdi anime del passato,
allora, come oggi, ci segnalano sotto voce le
barbare Odi,
noi gridiamo : Saffo! Ų Saffo! Nelle stanze
eroiche consacrate al mio amato.

Lascio al critico, la poltrona e il sigaro spento,
Evviva! L‚uomo della strada, con la sua Fontana e
lo Scolabottiglie,
statue d‚acqua, che hanno lo spazio del vuoto
dentro,
la sanscrita scienza e le meraviglie.



Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it