www.fernandapivano.it

DUEMILAVENTI


[ Home ]

Inviato da: LORENZO RIBECA (JEFF) il December 11, 2002 at 12:55:27:

DUEMILAVENTI
Anno duemila.
Festa di compleanno. Carlo e Marta sono in
terrazza, la musica crea atmosfera, il cielo di
maggio sovrasta l‚allegria. Esisteranno gli Ufo?
E gli Esquimesi? Hai mai visto un Esquimese?∑∑

∑la Terra grida aiuto∑, schiamazzo di ragazze,
susseguirsi di risate, bottiglie vuote rotolano
sul prato al fianco di ragazzi a far l‚amore.

- La vedi la Luna lą in fondo? Ų dice Marta con
un filo di emozione.

- La Luna!∑. ormai l‚abbiamo violata, calpestata∑

- Guarda! Un UFO!!

- Dove?

-Lą!!!

-Non lo vedo∑..

Anno duemilaventi.

Carlo e Marta vivono sotto lo stesso tetto. La
roba di Lui da una parte del letto, sul suo
comodino, vicino la sua abatjour a basso consumo
energetico e la roba di Lei dall‚altra parte sul
comodino, vicino la sua abatjour a basso consumo
energetico. Uno con gli Esquimesi, l‚altra con
gli Ufo.

Niente Tv, Stereo e Computer in camera. La
crescita di morti per leucemia Ź stata
sconvolgente in questi ultimi anni. Carlo e Marta
lo sanno bene. Le norme sull‚Elettrosmog sono
severissime. Il resto della casa Ź attrezzata con
strumenti ad alta tecnologia. Stona solamente un
coltello d‚epoca appeso alla parete del salotto.
Sembra afflitto e morto.

Carlo e Marta si guardano attraverso lo schermo
di un Palmare, uno da un lato della cittą e
l‚altra dall‚altro.

- Ordino al pony-internet Fish&Fish; Ų dice Carlo
all‚apparecchio.

- Ordina pure,∑- risponde distante Marta.

- E Tu? Ų chiede perplesso Carlo.

- Io? Ordina per te∑

- E Tu?

- Vado all‚ElettroPalestra stasera.

- Vai, Vai,∑finirė per perdere anche te. -
riaggancia distruggendo l‚immagine di lei fatta
di un susseguirsi di pixel.

- Ed il cibo? Ti sembra piĚ sano? Dimmi∑-
continua Marta, prima di rendersi conto che la
trasmissione di 0 e 1 Ź interrotta.

La Tv ad ologrammi, materializza immagini durante
la colazione preconfezionata. La Tv di Stato
trasmette donnine svestite, la Tv privata omini
svestiti. Il TG.com segnala guerre ovunque; parla
di Stati, Nazioni, Paesi∑.mai di persone.

- potremmo clonarlo!! - dice titubante
Marta mentre si shakera il caffŹ per scaldarlo.

Carlo nemmeno la guarda, la osserva solo per un
istante e poi beve quello che c‚Ź da bere.

- dico sul serio∑ ci sono delle cellule
sane ha detto il dott. Rowen.

- E‚ morto, lo vuoi capire? Tuo figlio Ź
morto.

TG ad ologrammi: „Da domani lo Stato inserirą un
nuovo Credito al Consumo, quello sull‚energia
elettrica; ogni famiglia non potrą utilizzare piĚ
di un elettrodomestico al giorno. Il frigorifero
sarą bandito dal 2022. Saremo costretti ad
ordinare roba fresca via internet.š Meglio,
sottolinea il giornalista. „Oggi per la prima
volta nella storia dell‚uomo sarą aperta la prima
discarica su Marte. Il capo del governo afferma:
<verso il nuovo progresso, il progresso che ci
porterą nell‚Unione Mondiale!!>>š.

Carlo si avvicina all‚ologramma e gli
dą un pugno trapassandolo da parte a parte.

- Smettila - sogghigna Marta.

- Smetterla! ť quello che vogliono
tutti∑, „non gioire, non soffrire non
inkazzartiš, questo Ź lo slogan di questa societą.

Marta e Carlo escono di casa. Devono prendere il
servizio pubblico, hanno terminato il credito di
carburante settimanale concesso dallo Stato.
Carlo Ź irritato. Se Marta non se ne andasse
tutte le sere in macchina in palestra!

Carlo entra in ufficio, le ombre dei colleghi lo
infastidiscono. Si siede davanti al suo computer
ed inizia a scrivere.

Carlo se l‚Ź passata brutta qualche anno fa.
Aveva pubblicato due saggi su internet: „Le
multinazionali ci fanno mangiare merdaš e „La
nuova entropiaš. Il sito internet venne subito
bandito e oscurato. Egli, alla fine, fu
costretto a scomparire dalla scena. Il figlio nel
frattempo stava morendo di leucemia e la terra
stava morendo e basta.

Carlo Ź sulla finestra, guarda un ologramma di
una spiaggia e di un mare di qualche ventennio
prima. Marta ricaccia il cibo dalle buste del
pony-internet e senza scaldarle le ripone sui
piatti.

- siamo una coppia io e te? - dice Marta
portando una specie di polpetta alla bocca.

- Una coppia di oggi∑ cos‚Ź sta roba sul
piatto? Non dirlo, fa lo stesso.

„Transgenico Ź meglioš, rassicura una pubblicitą
delle TV. Tutti e due sanno che li stanno
fottendo. Tutti e due sanno che li stanno
ingannando. Una telecamera ed un computer
centralizzato con il Ministero delle Finanze e
delle Risorse Energetiche stanno registrando
tutti i loro consumi. L‚aria depurata dentro casa
sta per sforare la soglia minima. Da domani, per
loro, partirą la sovrattassa.

Dopo la cena Marta si sdraia sul divano bianco in
salotto. Carlo la guarda. Tutti e due sentono
l‚affanno della Terra.

- Ho dato il via al dott. Rowen; l‚ho fatto
clonare - rompe il silenzio Marta.

Carlo non sa che dire. Il suo sguardo si perde
sulla parete della stanza lą dove il coltello
d‚epoca stona con tutto il resto. Sente sempre
piĚ forte l‚affanno della Terra. Gli vengono in
mente ricordi, frasi sconnesse, pagine di libri
letti anni prima: „i nostri intelletti
urbanizzati, completamente separati dalla natura,
non hanno piĚ la reale percezione del rapporto
con l‚ambiente.∑ Cerchiamo l‚immortalitą in
questo mondo finito, ben sapendo che non esiste.
Vi Ź un certo nichilismo nell‚affrontare la
ricerca,∑ perseguiamo il progresso, ed invece Ź
l‚immortalitą che andiamo cercando.š

- L‚immortalitą andiamo cercando; ripete
Carlo ad alta voce.

- Smettila.

- Sarebbe bello smetterla.

Tg.com: „∑Ź scomparso l‚ultimo degli Esquimesi ma
adesso si darą vita al progetto della loro
clonazione e fra trent‚anni si stima che ci
saranno di nuovo duecentomila Esquimesi. La
temperatura media del globo Ź salita di dieci
gradi.š

- Un figlio clonato? No grazie; dice Carlo.

- Smettila Ź solo il progresso. A te ha
fatto sempre paura il Progresso∑

- Troppe cose, troppe cose racchiudiamo
nella parola PROGRESSO!! - alza la voce Carlo.

Il giornalista virtuale aggiunge: „gli scienziati
hanno scoperto una nuova fonte di energia,
sicura, pulita, illimitata.š Li stanno
ingannando. Carlo e Marta lo sanno. Tutti lo
sanno∑. La Terra continua a gridare∑.

Carlo guarda quel divano comodo e bianco. Gli
affiorano ricordi infantili. Il Tg ad ologrammi
sputa sentenze. Il Palmare squilla l‚ora delle
News di borsa. Carlo ricorda il suo zainetto, i
compagni di scuola, il prete burbero, quel
pomeriggio a casa della maestra, seduto su un
divano bianco e comodo; i cioccolatini in tasca
che si stavano sciogliendo; la macchia marrone
sul divano quando si alza, la vergogna e la fuga
in strada.

- potremmo scopare, rifare un altro
figlio, scopare!! - continua Carlo.

- L‚ho fatto clonare e basta∑ la storia
finisce qui - dice sicura Marta.

Carlo torna a guardare il divano bianco e comodo.
Uno spirito omicida lo assale. Il coltello alla
parete sembra carico di energia. La macchia
marrone di cioccolatini potrebbe essere rossa di
sangue. Le urla di Lei confondersi con un
ologramma.

- Milioni di anni∑.siamo progrediti in tutto ma
non nell‚etica∑, e la morale? Abbiamo scoperto
tutto.. tutto, tranne noi stessi, lo capisci∑.

- Chi ha ucciso nostro figlio me lo dici?
Chi? Chi? Chi? - cerca di gridare Marta.

La chiazza di sangue si espande sempre piĚ. Gli
occhi della donna sono lucidi, le emozioni vanno
scemando, tutto si fa piĚ confuso, appannato... I
colori dell‚ologramma svaniscono mentre il
giornalista virtuale saluta allungando la mano ai
miliardi di prigionieri della tecnologia che ogni
giorno lo venerano.

- Guarda! Un altro Ufo!! - sospira Marta.

- Si, adesso lo vedo - replica Carlo.

- Presto andiamo∑.corriamogli dietro∑.
Forse lo prendiamo.



Jeff


http://digilander.libero.it/sotterranei2001



Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it