www.fernandapivano.it

Notturni I, II, III, IV


[ Home ]

Inviato da: Laert il December 12, 2002 at 12:16:03:


-- I --
Nottambuli assonnati
hanno perso gusto alla vittoria
e con dispetto il vento
soffia d'impeto gagliardo

vele
bianche
gonfie
scivolano nella mente
povere di leggenda
e la schiuma
ricorda le fauci
dei cani ammaestrati.

Anche dei latrati
soltanto una debole eco
e la falla dell'acquedotto
cattura la luce elettrica
in un cielo stellato d'asfalto.

Terra di riporto
stanotte
gelerą di tedio.


-- II --
Musica di lingue lappanti
e cigolii di cardini ostinati
e braci smosse da molle
intonate a commenti sul Bosforo
e cupo mugolio di fabbrica
pulsante turno di notte.

Facce rosse di poliziotti
hanno ispezionato lamiere
bugnate tenui di pioggia
mentre lame di luce
vorticano lestamente.

Bradamante
incedendo audacemente
farą la vendetta
di Costantinopoli.

-- III --
Se il tutto Ź uno
e l'uno Ź tutto
e l'odio compensa
partite aperte
e il sermone stolto
ogni acume dialettico
persino il silenzio
si ottunde frivolo
presumendo
sopprimere il vaniloquio.

-- IV --
"Kudos to Ken Gonzales"
sayd the sender of the news
meantime I lose
connection one more time.
Good piece of news,
indeed

KU
DOS

onore
&gloria;

becco becco becco
d'infiniti stormi
di corvi neri grigi
therefore
scarcely sun-catching.

And I'm afraid it's time
gonna go
outta here.


***
A martelli pneumatici
e bobine d'opificio
si leva un vento
a cui tremano
i rami dei limoni.

Il grigio mattutino
forato livido
dai fari posteriori
di automobili in sosta
rapprende le parole
in un'afonia ghiacciata.

Dicesi A6
millimetri cento
per centocinquanta.


Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it