www.fernandapivano.it

odii antichi....forse (in crescendo)


[ Home ]

Inviato da: davide morchio il January 08, 2003 at 10:45:53:

Odii antichi forse. (in crescendo)

Buona sera eccellenza, illustre dottore, la
aspettavo con impazienza, come dice?
Mi trova dimagrito? Forse il troppo lavoro? Sono
lusingato che mi abbia onorato della sua
eccellente presenza, ero spaventato realmente per
un suo possibile rinvio, questa per me  una rara
e grande occasione. Io ora posso esternarle, se
mi consente, tutta la ammirazione che ho nei suoi
confronti.
Mi chino, comunque, alle sue decisioni ed alle
sue volontˆ come fossero le mie.
Faccia e mi dica ed io la servir˜.


Buona sera caro dottore, la trovo davvero bene,
la aspettavo oramai da un poā e mi preoccupavo
che non venisse pi a trovarmi. Si sono un poā
imagrito, forse il troppo lavoro.
Sono contento finalmente che si sia deciso a
venirmi a trovare cos“ potremo parlare ifine.
Vediamo il da farsi.


Buona sera dottore non lāaspettavo quasi pi, no,
non lo so se sono dimagrito, ma non credo che
dobbiamo parlare di questo, ci sono cose pi
importanti che dobbiamo vedere e definire una
buona volta, andiamo.


Buona sera (dissi con sarcasmo), buona sera
finalmente ci siamo degnati di venire, sono fatti
miei se sono dimagrito o ingrassato, si impicci
degli affari suoi che pare un maiale allāingrasso
e parliamo di fatti concreti e non mi, o meglio
non provi a prendermi in giro, su.


Cosa vuoi? Che cazzo sei venuto a fare? Fatti i
cazzi tuoi, sono come mi pare. Ma chi ti ha
cercato? Ora vedi dāannattene, non te sopporto,
non ho niente da dirti e nun te caco proprio
perchŽ nun te sopporto.


Ffanculo, ti odio, non parlare e vattene.


Cazzo quanto sangue per terra, sto stronzo. Eā
lā, stramazzato per terra con otto coltellate e
sta ancora a bocca aperta e mi sta sporcando pure
il tappeto persiano.

Odii antichi···forse.


segue..............................





Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it