www.fernandapivano.it

un mondo felice, Mary


[ Home ]

Inviato da: davide morchio il January 21, 2003 at 15:35:28:

Un mondo felice.

La bellissima moglie lo sveglia con il caff e
lui, felice, lo beve e la bacia appassionatamente,
i bambini si alzano e abbracciano ripetutamente i
loro genitori.
Tutti assieme poi fanno la colazione, escono,
sempre tutti assieme, in giardino, dove vicino
alla piscina (cos come in tutte le case dei
vicini), da una bianca cuccia esce Fluffy, un bel
cucciolo bianco.
Arriva un pulmino della scuola guidato da un
sorridente filippino e da centinaia di ville
(tutte con piscina e con un cagnolino) escono i
bambini che devono andare a scuola.
Il giovani marito saluta i bambini, bacia la
bellissima moglie, inforca una bici e si avvia
all'ufficio. Strada facendo incontra altri giovani
mariti, belli, giovani e biondi, tutti in
bicicletta che vanno al lavoro, si salutano
sorridendo.
Sugli autobus la gente chiacchiera affabilmente e
gli autisti cantano felici vecchi motivi di Renato
Rascel.
Ai semafori i marocchini ed i polacchi (oramai
pochi) vendono, fischiettando, collanine e
puliscono i vetri delle poche automobili in fila
ordinate.
Nelle macchine ci sono altri marocchini e polacchi
(molti in macchina) che sono felici ed hanno
trovato lavoro e, guardano i loro fratelli, urlano
loro
- Ce la farai anche tu, come successo a me -
Per strada alcuni poliziotti rimproverano
bonariamente alcuni ragazzi perch avevano alzato
un po' troppo la voce e questi, chiedendo
umilmente scusa, si avviano canticchiando pian
piano.
Vecchietti felici corrono in tuta con gli
auricolari, fanno footing, salutati da tutti i
negozianti che li guardano dalle soglie delle loro
splendide botteghe.
Gli spazzini puliscono le strade danzando come
Fred Astaire e Ginger Rogers, hanno dei fiori
all'occhiello delle loro illibate tute.
Alcuni barboni (due) simpatici corrono sugli
skatebord nel parco.
Dalle automobili si ode il suono di musica
classica e, dai finestrini, gli autisti commentano
la musica.
Un motorino allora prende una curva ed una
ragazzo, sbandando, cade per terra.
- STOP, STOP, cazzo - urla allora una voce
- Ma mai possibile che quel coglione caschi
sempre, dove lo avete trovato? -

Tutti gli addetti, i macchinisti, gli operatori,
le comparse sbuffano stancamente, la tredicesima
volta che ripetono quella scena e poi il regista
si sente Frank Capra.

- si riprende vita bella 14, ciak -

la scena riprende ed il ragazzo stavolta non cade
dal motorino e una voce di sottofondo dice
- la tua vita serena, con la polizza vitaserena
lo sar ancora di pi in questo tuo
MONDO FELICE, - Mary





Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it