www.fernandapivano.it

amanti, questione meridionale nsino a Roma


[ Home ]

Inviato da: davide morchio il June 04, 2003 at 15:10:55:

Quanno me arzo de prima mattina a prima cosa che
vedo er faccione tuo sfatto
Chai nalito che ammazzerebbe n cammello
mbriaco de sambuca
E manco apri llocchi che co la voce tua roca
che comincia a damme quarche ordine
tardi me dici famose n caff
E io aripenso a tempi belli e felici, quanno
ero n pischello bello e forte
Poi te guardo, come te poi da esse ngrassata
Nun chai a cellulite, ma coppa de maiale
E sei goffa come nelefante drentro a na vasca da
bagno
Me sa che oggi me ne vado, te lasso
Nun gliela faccio pi
Ammore mio santo

Quannu mi jasu i prima matina a prima cosa ca
viru esti u to facciunu tuttu sbampuliatu
Teni nu alitu ca mmazava puru unu cammellu
todderu i sambuca
E ancora hai a apriri llocchi che ca bbuci toi
rroca ca cumincia mi runa oddini
Esti taddi facimundi nu caf
E io rripenso i tempi beddi e felici, quandu ieu
era nu figghiolu beddu e forti
Poi ti vardu, comu ti potisti mpaddiari
Non hai a celluliti, ma coppa i porcu
E si goffa, comu nu lefanti intra a na vasca i
bbagnu
Mi sapi ca oggi ma fujiu, ti lassu
Non cha fazzu cchiu
Ammuri meu santu

Quanno me sceto e primma matina a primma ccosa ca
veco o faccione tojie disfatto
Tiene nu ciato ca accire pure nu cammiello
mbriache e sambuca
E manca hai araperto gli occhi che ca a voce
tojia roca roca ca accumence a dareme cacche
ordine
tarde mi rice faccimmece nu caf
E io arripenzo ai tempi belli e felici, quanne
ero nu guagliuncello belle e forte
Nun tieni a cellulite, ma a coppa e maiale
E si goffa comme a nelefante arindo a na vasco
da bagno
Me sape ca oggi me ne vaco, te lasse
Nun cha facce cchiu
Ammore mio santo




Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it