www.fernandapivano.it

Cavallini a dondolo


[ Home ]

Inviato da: Giancarlo Ferrigno il August 15, 2003 at 18:21:37:

Di Giancarlo Ferrigno
TiTolo : Cavallini a dondolo

Vinci! Guerriero, ho bisogno di essere difeso,
tu lo sai come comunicare, entra! Nel mio
viaggio,
per capire, il mio genio.
Ti chiamer˜ : Cita, con onestˆ ti confesso,
che ho avuto, un trasporto antico, verso la
divisa.

Indossarla, per me fu, una grandâemozione,
tu la onori Cita, ma per essere come me nobile,
devi avere, anche molta comprensione,
ricordati che, ogni cittadino  il tuo prossimo,
lo devi ascoltare,
con lâorologio impiantato nel tuo cuore,
emozionandoti, di fronte alla relativitˆ,
del tempo corporeo,
in fondo nel primo e nel poi, tutti dobbiamo
morire.

Anchâio, ho avuto il delirio della macchina
perfetta,
ma la giustizia giusta, non esiste,
anche se lâutopia  possibile.

Dimmi! A cosa ti servono le armi Cita, usa la
preghiera,
io! Sono lâuomo dellâindianismo, non conosco la
guerra,
tuttavia, quanta fatica fai, per difendermi,
ma devi essere paziente, per essere tra gli
uomini liberi,
ci vuole da parte mia, tanto studio,
Cita! Vorrei che tu, tappassi la bottiglia dei
pensieri amari.

Ti dico: le nostre idee, non sono innate,
fai come me, accetta i sinceri consigli,
inizia a leggere, anche sillabando,
cos“! Potrai appropriarti : del chi, del che
cosa, del quando,
del dove e del perchŽ.

La nostra mente  un foglio bianco,
tutti abbiamo diritto ad una seconda possibilitˆ,
quindi ascoltami compagno, scrivimi una lista di
autori da analizzare,
perchŽ il guerriero sono io, la scimmia sono io,
noi due, viviamo in cittˆ,
anche un uomo stanco,
si pu˜ sintonizzare, sulle frequenze giuste,
ma tu! Guerriero, aiutami, difendi la mia libertˆ.

Ora ti parlo, delle occidentali trappole,
mi rivolgo a te Cita, il guerriero ormai vive con
la mente libera, altrove,
qui! Mi sento un diverso, perchŽ dal momento che,
odio lâinganno,
non mi posso affidare ad una giustizia poco
giusta,
infatti, non uno,
si pone veramente, incline alla tolleranza, con
impegno.

Dâaccordo, chiunque pu˜ aver sbagliato,
ma poi, dopo aver pagato,
un alto e rosso prezzo,
c⏠anche chi, pur conservando le proprie idee,
cambia vita,
questâuomo per me  un santo,
merita una lode, per il fatto che, non vuole pi
cadere nel pozzo,
ma tu! Guerriero aiutami, difendi la mia libertˆ.

Ora ti parlo, delle occidentali trappole,
ma non vado oltre, a modo tuo mi vuoi bene,
sei la mia Cita, sai che sul tuo lavoro, sar˜
ironico fino alla fine,
ti saluto, salute permettendo, dopo gli studi,
lâAfrica mi vuole.

Noi viaggiatori sentimentali, siamo cavallini a
dondolo, nelle mani,
di una ancora, troppo immatura giustizia,
vinci! Guerriero, lotta anche per me, contro
lâinganno, ma non con le armiˇ
anche se a volte, le parole non bastano.



Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it