www.fernandapivano.it

AUTOUOMO


[ Home ]

Inviato da: Gerardo De Stefano il May 31, 2002 at 16:48:21:


AUTOUOMO

Nella valle meccanica vive l' autouomo
colui che solitario vive

Dalla pietra arriva la genealogia
propia conosce é autore dell' apparenza
Della saggezza
sterelizzata del suo mondo e contrasta con
se stesso
da questo lo diciamo cosí

Autouomo essere ausiliare

Uomo autonomo e
automatizzato
pende anche su di lui la mente
e la sacra constatazione del fatto

AUTOUOMO pretende dalla distruzione
avvalersi delle tecniche di sapienza avanzata
autouomo autodecide il da farsi
provvisorio
detta legge buonissima a se stesso

L' AUTOUOMO si autoeccita e si concorda con
l' animale suo suddito eletto
autouomo non ama
perché la conoscenza a lui costa cara
o tratto dal detto"La possibilitá svanisce
ma la vita continua senza possibilitá"
Lui si avvilisce

L' AUTOUOMO previdente era tabula
rasa che pian piano si autogonfió
succube del pallore
del creato

o possessore di ogni conoscenza
movimentata da determinata
nascita

si frantuma nella generazione
di concetti

Essere umano e automatizzato autonomamente
ha anche un possedimento memoriale
Ricorda e la creazione dell'
esercizio porta a malattie sonore
La creanza del male l' ha
lui intuita e la bontá porta il nome del suo
cervello
o esso stesso si autocompiace
AUTOUOMO si conosce come non conosce nessuno
ancora la veritá

sente o debolmente crea stupidi
congegni umanistici da usare sotto brevetto
di
libertá umana e controbattaglia deciso
nel combattimento

Dalla sconfitta del cattivo
movente
la rinascita
parola che accetta la sua
solitudine di pietra

e di pietra spolverata

Autonomo battaglia per la sconfitta delle
superstizioni e contro il gioco discreto dei
Grandi
Decide per se stesso o
l' autodenuncia del suo perenne gesto lo conforta

Autouomo si compiace di un unica speranza
perché uomo umanizzato dalla macchina
autogeno si consola si
autodescrive e detta la Storia

La passione perfora la testa di metallo
risuona all' idea Le gesta sono comparate da
creatori di gesta Create per favore
il silenzio e ......

rimani in questa posizione autoammalati di
esistenza e svanisci

AUTOUOMO di codardia raffinata
Sul globo terracqueo l' uomo di
metallo cerca ispirazione alla grande fede

Una uniesistenziale voglia lo circonda
la conquista dell' altrui volere
e sincopato sí perisce
sotto le nuvole e dallo spaziare del
creato la sua conoscenza si creó

Perché autouomo é creatore e figlio suo

Figli della terra meccanica.
**************************************************

OM pedagogico
Sono un vile

un individuo non edificato consumo aria
potrebbe dar dastidio
ma quando godo e chi cazzo se ne frega
quando godo


OM esemplare
sono io esso
stesso colui che é

un individuo con alterazione "politico"
raggiante
cosa lei divina essa sia si sa

splendida edificazione carne esplicativa

OM neutroartificiale

sono un prezioso individuo personale

un momentouomo che anche
necessita
di plasmare il saggio e divulgare il
coito dei colori
nella materia terrestre

OM molecolare

mi arrivó nall' aria per delle voci
una maledizione mi giunse per condurmi
nella vita

la tremenda minaccia mi giunse
pronunciata da mille ibride voci
TU devi morire
, allegro.
**************************************************

MERIGGIO MEDITATIVO ZEN

Hanno giá liquefatto
la meraviglia nelle acque del fiume

nel suo scorrere

Hanno giá gonfiato
i germogli

Dalla sorgente
hanno giá dato potenza al
cignobianco

Il sole ha giá regalato
un sortilegio

La mente, la mente
giá non é piú mente.

Ancora l' aria bollente
alza un' ombrosa nube
volatile

Per sempre la luce rimbalza sulle acque

Per sempre l' elemento vuoto riempe se stesso

Mi hanno lasciato la possibilitá dell' impressione
la banalitá del colore

Mi hanno concesso
i Sensi infuriati e
a me la
possibilitá.
**************************************************
É l' unione che é strabiliante
e penso ad ogni essere


con un arcobaleno vario

nell' occhio

con una moltitudine
vasta
di colore
nello spazio
e un bel suono

incandescente nell' orecchio.
**************************************************
ANALIZZIAMO NEL PROFONDO EMISFERO

Quattro ventri di Madre gonfi
di
creazione splendenti

Nudi la candidabianca
luce sulla
tesa pelle contenitrice

Alziamoci dal profitto

FALSA RETTA
LINEA VISIBILE
TEMI PROFONDI NEL LORO LIMITE

AUSILIARI TEMI

Veritá basilari
della
vita
nel sottostrato universale
é perché sono entrato

universalMente

A occhi critici e di
tremenda attenzione

Il viso affievolisce
la distruzione del corpo
arriva.
**************************************************

Unifichiamoci nell' ultimo
unico limbo

Unifichiamoci e

BEATITUDINE

Insieme stringiamoci

Lento avvicinamento

nell' ultimo vicino limbo
o paradiso reale

Corpi si muovono
piano.

**************************************************
Lancia

Lancia lo sguardo
ci sono ritorni
esistono passioni
sará solo un ricordo infinito
sará solo
sará
andiamo
balliamo
é gioia vicino
á tempo che si dilata
é tempo che noi comandiamo
é tempo
usciamo dal contorno
spacchiamo le nuvole
la luce di luna ci
aiuta
mutiamo, la vita
(e tu la muterai
con me)
avviamoci
cambiamo
non é il luogo per noi
lo troveremo
non é solo un luogo
non é.




Messaggi correlati:



Invia un commento

Nome:

E-Mail:

Oggetto:

Commento:


Questo e' la bacheca di Fernanda Pivano potrete pubblicare i vostri racconti
www.fernandapivano.it